Questo dolce è uno dei miei prefetiti!Due piccoli biscotti rossi che racchiudono un cuore di crema,il tutto con una forma deliziosa di una pesca con foglioline incorporate!
Mi piace perchè esteticamente è davvero accattivante, anche se poi in realtà non ne mangio moltissimi di dolci, mi piace vederli e rimanere affascinata dalla forma e dai colori.
Ho provato una sola volta a fare queste peschette ( una decina di anni fà…e son venute così brutte che poi ho rinunciato!). Il procedimento per farle era davvero difficoltoso: l’impasto era morbidissimo, per fare la forma delle due parti occorreva la metà di una noce che andava lavata asciugata e pulita, sopra la quale veniva messa la pasta di biscotto e poi cotta in forno!
Riuscire a trovare noci tutte uguali, grandi abbastanza per creare il biscotto e soprattutto non romperle mentre cercavo di dividerle è stata un ‘impresa! Da allora, le peschette le ho sempre viste in pasticceria e quando volevo mangiarle le ho comprate!
Però…la voglia di riprovare a farle c’era sempre.
L’altra sera, annoiata dalla caldissima giornata, sdraiata sul divano mi è tornata alla mente una figura che avevo visto su qualche rivista che avevo comprato il mese scorso.
La prendo, la vedo, leggo la ricetta, non sembra complicata …ho tutti gli ingredienti, quindi si può fare!
La mattina dopo mi metto all’opera ed eccovi i risultati.
Vi scrivo prima la ricetta come l’ho trovata sulla rivista (con in rosso le mie variazioni) e poi aggiungerò le mie riflessioni e soprattutto qualche consiglio! 

Pesche dolci

(da una ricetta delle rivista Cucinare bene -agosto2011)

Ingrendienti ( per circa 15 pesche- a me ne son venute 18)
100 gr di burro morbido
500 gr di farina
4 cucchiai di latte
3 uova
175 gr di zucchero
1 bustina di lievito per dolci
1 limone ( solo la scorza)
un pizzico di sale fino
250 gr di confettura di ciliegie ( io le ho farcite con crema pasticciera)
30 ml di alcherms diluito in acqua ( 60 ml di alcherms+60 ml di acqua)
zucchero semolato

chiodi di garofano

foglioline di ostia ( o marzapane verde)

Preparazione

Versate in una ciotola la farina  e il lievito setacciati, aggiungete lo zucchero, il burro morbido a pezzetti, la scorza di limone grattugiata e il sale. Iniziate ad impastare aggiungendo gradatamente il latte e le uova ( una alla volta).Quando l’impasto sarà abbastanza morbido, capovolgetelo su un piano da lavoro infarinato e lavoratelo con le mani.
Fatene una palla e dal composto con le mani prelevatene una pallina di 25 gr (*), giratela nelle mani e poggiatela su una placca da forno rivestita di carta.Prepatare in questo modo tutte le palline distanziate tra loro perchè ricresceranno in cottura.
Accendete il forno a 180° e cuocete le palline per 20 minuti cercando di non farle colorire troppo.
Una volta che le palline saranno cotte, lasciatele raffreddare e con un cucchiaio fate un incavo nella parte inferiore di ognuna.

Mettete in una ciotola l’Alcherms con lo stesso quantitativo di acqua, in un altra lo zucchero semolato per rivestire le pesche. Prendete la metà di una pesca, spennellatela con l’Alcherms un paio di volte (**) e poi farcitele con la vostra crema pasticcera (confettura o altro),unite le due metà di peschette e girate la pesca nello zucchero semolato (***).
Trasferite man mano le pesche su un vassoio e decoratele con un chiodo di garofalo, e una piccola fogliolina di ostia, oppure con una fogliolina di marzapane verde.
Potete conservarle in frigo se le farcite con crema pasticcera oppure in una scatola di latta se farcite con marmellata per un paio di giorni.

Devo dire che la ricetta della pasta del biscotto è ottima, una buona base di biscotto al burro che si presta ad essere mangiato anche senza farcitura( un paio li ho addentati appena usciti dal forno :P )

Veniamo però ai consigli per una riuscita ottimale delle peschette ( dalla mia esperienza!)
(*) La dose delle palline.Da ricetta, ogni pallina dovrebbe pesare 25 gr. Io ho preso la bilancia e pesate queste palline una ad una, e 25 gr sono stati , secondo i miei gusti, un po’ troppi. Il biscotto poi lievita in forno e unire le due palline con la farcitura al centro fa si che la pesca finale sia davvero grande. Diciamo che una volta preparata è come una grossa mela, e io le preferisco un po’ più piccoline.Quindi la prossima volta le farò di 20 gr l’una.

(**)L’Alcherms.Già nella ricetta ho scritto che la dose per bagnare le peschette è stata di 60ml invece dei 30ml segnati sulla rivista. Ho dovuto preparare due volte la bagna proprio perchè mi risultavano poco bagnate.In realtà , anche con la doppia dose secondo me un po’ più imbevute non sarebbero male, visto che essendo molto grandi la parte interna risulta bianca.Quindi la prossima volta, userò più Alcherms.

(**)Il metodo per zuccherarle. Sulla rivista c’è scritto di unire le due parti di biscotto con la farcia e poi passarlo interamente nello zucchero semolato. Io ci ho provato con le prime due, ma non riuscivo a zuccherarle per bene, la crema si sporcava tutta di zucchero rosso, e la parte centrale delle pesche risultava senza zucchero. Allora io vi consiglio di procedere in questo modo: bagnate un paio di volte la pesca con l’Alcherms, tenetela su un vassoio e bagnate la seconda parte di pesca. Riprendete il primo biscotto e giratelo dentro una ciotolina che avrete riempito di zucchero; prendete la seconda e fate lo stesso. Farcite un solo lato della peschetta con abbondante crema e unite le due parti. In questo modo la crema risulterà bella pulita e tutte e due i lati delle peschette invece saranno zuccherate per bene.

In defnintiva la ricetta di queste peschette è una buona ricetta, la riuserò di certo, bisogna apportare qualche modifica alla grandezza delle peschette, usare più Alcherms e ricordarsi di non zuccherare le peschette già unite, ma le due parti separatamente e poi farcirle; se si usa però la marmellata al posto della crema, zucherarle insieme di sicuro è meno problematico.

Ultima nota per le decorazioni.
Nella foto vedete che ho usato una fogliolina finta( l’avevo tenuta da parte da un pezzo di frutta di marzapane, era una pesca finta e aveva questa foglionia!:P) Per le altre peschette io ho usato del marzapane pronto colorato di verde e ho ritagliato delle foglioline, e per fare il “piruletto” della foglia si possono usare i chiodi di garofano.

Come al solito il post è chilometrico, ma ho voluto precisare per bene le cose che secondo me non andavano nella ricetta e la mia esperienza, di sicuro le rifarò a breve e le farcirò con altro tipo di crema, non più pasticcera ma cioccolata…così mi ha chiesto il critico di casa!:D

Prima di salutarvi vi allego la RECIPE CARDS delle peschette e se non sapete di cosa si tratta , ne parlo qui  e qui.

Da domani parto per qualche giorno per tornare al paese dai miei, quindi molto probabilmente ci risentiamo a metà settimana prossima.
A presto!

RECIPE CARDS: Le Peschette Dolci( anteprima)

LINK PDF-SCHEDA: Peschette Dolci

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share Button

44 Responses so far.

  1. Cucina del mondo scrive:

    >che bella, complimenti

  2. Love at first bite! scrive:

    >Cran che brava che sei stata!!!! UN post lunghissimo ma validissimi e utilissimi i tuoi commenti :-)

  3. Cranberry scrive:

    >@Saretta
    Si, sono buone, ma le devo rifare più piccoline.Le mie erano davvero troppo grandi ^_^
    @Mary
    Grazie, e te ne lascio un paio :)
    @√ale
    ecco, esatto, prossima volta al cioccolato, piccoline e più bagnate, le rifarò anche io! Poi avvisami che verrò a sbirciare.
    @Fabiola
    verissimo, si trovano dapertutto e sono carinissime
    @Pellegrine
    dovrò provare anche le vostre morbidose…sussu con il post che verrò a sbirciare!
    @Mommy
    siiii…a Roma?Voglio andare a vedere questo negozio di peschette!
    @Nani&Lolli
    ecco, quella versione l' ho vista fare dalle Pellegrine ,voglio provare anche quelle.Sono cmq, tutte deliziose!.D
    @Aria
    verrò a vedere anche le tue!Non posso che migliorare!
    @Deborah
    benissimo, allora una volta provate, fammelo sapere che verrò di certo a vedere le tue peschette!
    @Simona
    io ho visto in qualche blog anche quelle lievitate, ma adesso che ho le ricette le riproverò in tutti i diversi tipi!
    @RibeseCannella
    :) si, anche io le ricordo perchè da piccolina mi piacevano tantissimo!
    @ichigo
    :D eheheh
    @Fra
    aspetto di vedere le tue :D
    @Caio
    verrò a vedere il tuo blog.
    @Donatella
    grazie mille per le schede e le peschette!:D
    @Federica
    bene, verrò a vedere anche le tue peschette…sicurissimo!:D
    @Marcella
    da provare!
    @Tiziana
    e si , belle da vedere e mangiare!:D eheheh
    @Chiara
    Grazie mille Chiara, spero davvero che l'idea delle schede possa piacere :D
    @Claudia
    beh, dic erto non è la ricetta perfetta, ma ho scritto per filo e per segno le mie esperienze, proprio perchè credo che è bene sapere come riuscire a migliorare al massimo la ricetta. :D aspetto di vedere la tua versione!
    @Cucinadalmondo
    :) grazie mille!!!
    @Loveatfirstbite
    :D speriamo che sia stato utile! eheheheheh

  4. marifra79 scrive:

    >Sono la mia infanzia, uno dei pochissimi dolci che preparava mia madre… le adoro! Un abbraccio

  5. lerocherhotel scrive:

    >favolose!!!!

  6. Al Cuoco! scrive:

    >Sono perfette!meravigliose!stupende! sei un'artista!!! :)

  7. pagnottella scrive:

    >Che finesssssssss. Si anche a me ricordano l'infanzia e mio fratello che le divorava :) )
    Bellissime complimenti!

  8. Debora scrive:

    >ueeeeeèè che bello quii!!! hai cambiato tutto!!! is beautiful!!! ^_^ bella anche l'idea delle schede!! brava brava!! e che buone le pesche….(mi passi lo sganasciamento??? :-) )) )baciotti

  9. Micaela scrive:

    >non ho mai assaggiato le pesce dolci, devono essere troppo buone, mi copio la tua ricetta, voglio provarle! a presto.

  10. Cinzia scrive:

    >una ricetta da non mancare, non le ho mai fatte, ma mangiate SIIII! che buone ;)

  11. Acquolina scrive:

    >ti sono venute benissimo, anche a me piacciono molto!
    ciao!

  12. Cey scrive:

    >Sono bellissime =) poi il colore non troppo intenso è stra femminile =)

  13. Sara scrive:

    >ma che amore di peschette, lo sai che non le ho mai mangiate?.. vergogna.

  14. Cristiano scrive:

    >un dolce da 10 e lode … complimenti.
    Anche a me fanno impazzire, mi ricordano un po' parte della mia infanzia ;) ))

  15. Gianni scrive:

    >Te l'ho già detto su fb ma visto che ho un'attimo di tempo sono passato per dirti………..che sono bellissime le tue pesche e se a te non piacciono…sarà un piacere mangiarle al posto tuo!!! Un bacio

  16. dolcipensieri scrive:

    >sono una favola, peccato non assaggiarle!!!

  17. Nicoletta scrive:

    >Ciao Cran!!!!! bellissima idea questa delle schede…complimenti!!!!!! E le pesche io le adoro…ti sono venute bellissime!!!! complimenti!!!!!

  18. Paola scrive:

    >io un mesetto fa mi ero decisamente intestardita nel riuscire a rifare esattamente quelle della pasticceria (almeno del tipo che si trova dalle mie parti) e ho provato tutti i weekend a fare una ricetta diversa, ma niente! o sono tipo biscotto o troppo morbidine, e fare la forma giusta poi è stato difficilissimo!! a vedere le tue così splendide mi fai tornare voglia di riprovare :-)

  19. dolci a ...gogo!!! scrive:

    >Adoro le pesche dolci sono una vera tentazione epr me irresisitibile e le tue mamma mia cosa darei per gustarne una adesso!!bacioni, imma

  20. FEDERICA FUSCO scrive:

    >Ma bravissima!!!!Che meraviglia le tue pesche,sembrano vere :) grazie per i consigli a proposito del procedimento,che senza dubbio torneranno utili,prima o poi le proverò perchè mi piacciono molto e sicuramente meglio con la crema che con la marmellata,brava!!!!

Leave a Reply