Risotto con mele rosa dei Monti Sibillini e cipolle rosse caramellate

Gli ingredienti li avete visti ieri sera, l’annuncio ve lo avevo già fatto nel post e in rete ed eccoci oggi a presentare questo bel piatto di risotto con mele rosa dei sibillini e cipolle rose caramellate.
Nel post di ieri su Montedinove vi avevo solo accennato della rinascita di questo piccolo ma gustosissimo frutto : la mela rosa dei sibillini.
Vi domanderete perchè si chiama così, visto che a vederla non sembra affatto rosa! In effetti , le mele che ho messo in foto sono state raccolte , pensate un po’, nel periodo difine ottobre, quindi dopo tutti questo mesi hanno perso quel colore tipico del frutto rosa e sono diventate piuttosto scuretta e tendenti al rosso.
Dalla pagina fb delle Terre del Piceno, vi mostro una foto di queste mele nel momento della raccolta, non sono deliziose???:) E’ una mela ,che come vi dicevo anche ieri ha, un gusto molto dolce e si conserva benissimo per molto tempo, come potete ben vedere.
Montedinove la festeggia nel primo weekend del mese di novembre con una festa :”Sibillini in Rosa” e offre al turista pietante e degustazioni a base di mela.
E’ inutile dire che questo frutto accompagna oltre che ai piatti dolci del Piceno anche gran parte delle preparazioni salate  come risotti, fingerfood,insalate e per di più è utilizzata per preparare birre aromatiche alla mela o anche aceti. La marmellata di mela rosa è fantastica, cremosissima e densa, ha un sapore che rimane in bocca anche dopo aver finito di mangiare la fetta di pane…e fin quando non finirò il barattolo, spero per voi che riuscirò a farci un qualche tipo di dolce 😛
La mela rosa dei monti sibillimi è presidio Slow Food dal 2000. Questo frutto era coltivano fin dall’antichità in molte zone delle marche intorno ad altitudini che vanno dai 400 ai 900m. Con il passar del tempo però la coltivazione di questa piccola mela è andata scomparendo perchè la richiesta di un frutto piccolo e anche “poco bello” da vedere non le ha permesso di confrontarsi con le belle mele grandi e lucide che invece si vendono nei vari supermercati e che catturano la vista del consumatore.

Per fortuna la comunità Montana dei Monti Sibillini ha ripreso la coltivazione di questa mela grazie a qualche vecchissimo albero sparso nei comuni di produzione. Noi l’abbiamo provata per voi : risotto alle mele, arrosto alle mele, birra alle mele, marmellata alle mele…e non so cos’ altro! se mai capitaste da quelle zone non lasciatevi scappare l’occasione di farne scorta! E poi non dimenticate la festa delle Mele Rosa a Montedinove, chissà che non mi venga voglia di farci un giretto!
Bene, adesso che ne dite, la volete la ricetta del mio risotto??:)
Il tutto è partito dalla giornata a Montedinove, dove, dopo aver assaggiato il risotto dell’agriturismo il fienile ci è passato per la mente: “ma perchè non riproponiamo il risotto anche noi con varianti personali?” e quindi eccoci con i nostri risotti alle mele rosa. A fine post vi lascio anche i link degli altri foodblogger per scoprire le loro versioni.

Risotto con mele rosa dei Monti Sibillini e cipolle rosse caramellate
Print
Categoria: Primi, risotti
Cuisine: italiana
Autore:
Dosi: 2
Dolce risotto con mela rossa sibillina e cipolle caramellate
Ingredienti
  • 140g di riso Carnaroli
  • 2 mele rosa dei monti Sibillini
  • 1 cipolla rossa ( metà per la carammellizazione)
  • 2 noce di burro
  • olio extravergine di oliva
  • ½ bicchiere di prosecco
  • parmigiano reggiano per mantecare
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 1 cucchiaio di zucchero semolato
  • 2 cucchiai di acqua
  • mix creola bisetti ( pepe rosso, verde, nero)
  • brodo vegetale q.b
  • sale, pepe
Preparazione
  1. Mondate e tagliate a cubetti le piccole mele.
  2. Tagliate una parte della cipolla a listarelle e fatela imbondire con la noce di burro, aggiungete un cucchiaio di olio e mettete le mele a cuocere per un minuto, il tempo di renderle morbide.
  3. Togliete le mele, riponetele in una ciotolina e continuate con la cottura del riso.
  4. Versate nella stessa padella il riso e fatelo tostare per qualche minuto,sfumate con un mezzo bicchiere di prosecco e continuate la cottura del riso aggiungendo mestoli di brodo.
  5. Quasi a fine cottura aggiungete le mele al riso, salate e pepate e continuate la cottura ancora per altri 5 minuti.
  6. Preparate nel frattempo le cipolle caramellate.
  7. In una padella antiaderente versate un cucchiaio di zucchero di canna e un cucchiaio di zucchero semolato bianco, aggiungete 2 cucchiaio di acqua e infine la cipolla rossa tagliata a listarelle.
  8. Fate ammorbidire le cipolle per un paio di minuti e quando vedete che inizia a caramellarsi coprite con un coperchio e continuate la cottura per altri 10-15 minuti circa, fino a completa caramellizzazione delle cipolle.
  9. Una volta cotto, togliete il riso dal fuoco , aggiungete qualche cucchiaiata di parmigiano e una noce di burro e mantecate.
  10. Riscaldate leggermete le cipolle caramellate ( se si fossero raffreddate) e portate in tavola il risotto nella pentolina di rame monoporzione con delle cipolle caramellate al centro e una macinata di mix creola di pepe.

Qualche precisazione sulla ricetta.Di base  non ci sono problemi , si procede come per la cottura di un normale risotto. Vi consiglio però di dosare bene la quantità di mele ( soprattutto se usate questo tipo di mele o simili) e la quantità di cipolle caramellate aggiunte nel piatto.

Le mele sono molto dolci una volta cotte quindi è consigliabile non metterle a cuocere subito nel risotto ma aggiungerle solo verso la fine cottura in modo che rimangano anche croccanti al palato. Per non rendere il piatto troppo zuccheroso usare solo 1 mela( anche se piccola) a persona e un ciuffetto di cipolla caramellata.
Anche il vino per sfumare è importante, meglio usare un bianco frizzantino.
Ultima nota, ma non meno importante, è quella legata alla cottura del risotto. Se possibile il risotto andrebbe cotto in una bella pentola a due manici e non molto bassa, meglio ancora se di rame. Il rame diffonde meglio il calore e quindi vi permetterà una cottura uniforme. Non tutti hanno però pentole in rame ( nemmeno io le avevo, questa è la mia prima piccola pentolina di rame monoporzione!).Bisogna poi usare un mestolo di legno, per mescolare i chicchi durante la cottura senza romperli o rovinarli e in ultimo delle ottime materie prime 😀 Dovrei avervi detto tutto….come sempre io arrivo in ritardo, i miei colleghi ( da bravi foodblogger) hanno postato il loro risotto per ora di pranzo, io invece sempre in ritardissimo…mi perdonate? Vi offro questa idea di risotto per ora di cena!:P

Vi lascio con le altre versioni di risotti e noi ci “leggiamo” prossimamente!:D
La tarte maison
Frigorosa
Che zuppa!
Cucinare per passione
Trattoria da Martina

Questa ricetta partecipa al contest Rice Blogger 2013″

 

 

 
pentola in rame: Tanucci Antiche officine del Rame

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Immagino che queste mele abbiano anche un profumo intenso… Mi è piaciuta molto questa tua ricetta!
    se passi dal mio blog, c’è un premio per te!

  2. Ciao complimenti per il contest……sono venuto a spiare l’avversaria……ricetta splendida, come tutte le altre.
    PS: se ti va passami a trovare, ne sarei felice!
    Andrea the Desperate House Cooker

  3. Pingback: Cranberry a Bergamo con Risate e Risotti | CappuccinoeCornetto

  4. Grazie infinte, con la vostra marmellata ho anche una deliziosa ricetta già pronta ed apprezzatissima ^_^

  5. Pingback: Il riso di Cappuccino e Cornetto premiato a Bergamo | CappuccinoeCornetto

  6. Pingback: La Finestra di Stefania » Risotto della passione: Monochrome di Marco Cibusfaber vince il contest di Risate&Risotti

  7. Pingback: Risotto della passione: Monochrome di Marco Cibusfaber vince il contest di Risate&Risotti | Food Blogger Mania

  8. Pingback: La crostata di Edwige- crostata frangipane | Cappuccino e Cornetto

  9. allora non avete capito che fa tutto schifoooo? svegliatevi…l’ho provato ma ho vomitato 1 secondo dopo!!!!!! aahahahahahhahahahahahahahhahaha e tu cranberry, ti conviene nn parlare piùùùùùùù…sn ttt bugie quelle ke scrivi!!!!!!!!!!!!!!! LOL LOL

  10. ahahahahaha, grazie a te a questo bel nome fasullo e al tuo commento ironico…mi sto scompisciano per le risate 😀
    mail legata ad un nome maschile e poi nick per commentare femminile, sono sicura che farai strada!